Recensioni

Moderno ed elegante, recensione AC Hotel Bologna by Marriott

Una struttura categoria 3 che costa “solo” 15 mila punti a notte, ma a volte è meglio pagare e tenere…

Non sarà una recensione molto lunga perchè la mia sosta presso questo hotel è stata giusto di una notte, arrivando tardi la sera e ripartendo presto la mattina successiva.

AC Hotel Bologna – foto TFC2020

Le possibilità di dormire nel capoluogo dell’Emilia Romagna e guadagnare punti, o in alternativa soggiornare utilizzando punti, non sono molte. Marriott è presente con questa struttura che, come la quasi totalità degli AC, è inserito nella categoria 3. Si potrà quindi pagare il soggiorno utilizzando i punti bonvoy (attualmente a listino il costo parte da 15 mila punti per la bassa stagione a salire fino ai 20mila per l’alta stagione).

Se non sai come funzionano i punti bonvoy, quali sono le strutture in Italia e nel mondo che appartengono a Marriott puoi leggere il nostro speciale.

Grazie alla mia american express platino posso sfruttare  il livello Gold Elite in tutte le strutture e ottenere alcuni vantaggi come upgrade di stanza, bonus punti e orari più flessibili in fase di check-in e check-out.


Prenotazione

Siamo ancora in piena pandemia, quindi i pochi hotel aperti applicano listini molto aggressivi per accaparrarsi le prenotazioni. Per questo motivo ho prenotato direttamente tramite l’APP Bonvoy, il costo della camera con colazione era di soli 75€.

 

Grazie a questa prenotazione ho guadagnato 3.743 punti: 794 punti base, 199 elite bonus e 250 extra. Inoltre grazie alla promo attiva, ho ricevuto altri 2.500 bonus

Location

Comodo da raggiungere uscendo dalla tangenziale di Bologna, è ubicato fuori dal centro nella zona di via Stalingrado. Ideale se si hanno appuntamenti di lavoro nell’area del quartier generale di Unipol o se si deve frequentare la fiera. Non mi sento di consigliare questa struttura a chi decide di visitare il centro della città o la zona della stazione, dato che dista una decina di minuti in auto.

Check-in

Sono arrivato nella tarda serata e fortunatamente ho trovato parcheggio proprio davanti all’ingresso della struttura. Nell’attuale “nuova” normalità, non mi è più capitato di trovare confusione in una reception di un hotel, sia in fase di arrivo che di partenza. Le pratiche burocratiche sono state svolte velocemente e nel rispetto delle normative. L’addetto mi ha riconosciuto come membro élite e mi ha gentilmente omaggiato di un piccolo upgrade ad una stanza deluxe.

Sulla destra, nella hall, è presente una piccola pantry, dove è possibile comprare dei sandwitch, snack, bibite e poco altro.

La stanza

La mia stanza #505 era ubicata al penultimo piano della palazzina e la mia finestra si affacciava su un parco. La camera era in perfetto stile AC: moderna e funzionale. A differenza di quanto accade nelle strutture Hilton, in questo hotel non era presente una particolare segnaletica per certificare la sanificazione, mentre in stanza vicino al telecomando c’erano due bustine contenenti panni per disinfettare superfici e oggetti.

Camera deluxe AC hotel Bologna – foto TFC-2020

L’attenzione è stata attirata dalla TV, come di consueto negli hotel Marriott la televisione è sempre di dimensioni generose, in questo caso con un monitor da oltre 60”.

Accappatoio nella stanza dell’hotel AC Bologna – foto TFC-2020

La dotazione in stanza per il resto era tradizionale, accappatoio e ciabatte cellofanate.

Risicato il kit bagno, ma questa diventerà sempre di più una tendenza nel nome della sostenibilità ambientale.

La camera era dotata anche di un piccolo corner con macchinetta del caffè e termos per scaldare l’acqua e prepararsi il the.

Nel complesso, una camera deluxe senza infamia e senza lode, forse il materasso troppo morbido per i miei gusti.

La colazione

Ogni hotel, anche nelle catene internazionali, sceglie in autonomia come servire la prima colazione, anzi come nel caso del mio soggiorno al DoubleTree di Milano alcuni hanno deciso di sospendere il servizio, altri come il Garden Inn di Riga non hanno modificato la loro offerta.

Buffet colazione dell’hotel AC Bologna – foto TFC-2020

In questo caso il buffet era ridotto al minimo e perfettamente a norma anti-covid. Dato che le due stazioni principali, dolce e salato, presentavano solo monoporzioni.

I pochi ospiti sono stati fatti accomodare mantenendo il distanziamento sociale, personalmente ho ordinato un cappuccino fatto alla maniera tradizionale e non, come sempre più spesso accade, ad un erogatore automatico.

In conclusione

Sicuramente una struttura da tenere in considerazione per accumulare punti Bonvoy, allo stato attuale non conviene assolutamente spendere 15k punti, anzi molto meglio pagare il soggiorno e accumulare punti preziosi da consumare in altre situazioni.

Sei stato in questo hotel? Lascia il tuo giudizio nei commenti e se sei curioso guarda la gallery completa del mio soggiorno in questa struttura bolognese.

American Express Oro
  • Cashback di 250€ spendendo 4000€ nei primi 180 gg
  • Quota gratuita il primo anno
  • Voucher viaggi: 50€ per i tuoi viaggi ogni anno da spendere su americanexpress.it/viaggi
  • Priority PassTM: Carta Oro ti offre l'iscrizione gratuita al Programma Priority Pass e due ingressi gratuiti ogni anno, entrambi per te o per te e un tuo accompagnatore
  • Assicurazione inconvenienti e infortuni di viaggio: sarai tutelato in caso di ritardata consegna del bagaglio oppure ritardo o cancellazione del volo
  • Protezione d'Acquisto: tutela per 90 giorni fino a 2.600€ sugli acquisti effettuati con Carta (escluse alcune categorie merceologiche), in caso di furto o danneggiamento del bene
Cashback da 250€ + Quota gratuita il 1° anno
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Consulta le Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori di Blu American Express e i Fogli Informativi di Carta Verde e di Carta Oro su americanexpress.it/terminiecondizioni. L’approvazione delle Carte è a discrezione di American Express. La gratuità annuale della quota di Carta Oro e di Carta Verde è subordinata al raggiungimento di specifiche soglie di spesa annuali.