Notizie

Vuoi andare in Australia? O ti fai il vaccino o paghi 3.000$!

Da mesi, si sa, l'Australia ha chiuso le frontiere per tutti i viaggiatori non residenti e imposto restrizioni rigide per…

Da mesi, si sa, l’Australia ha chiuso le frontiere per tutti i viaggiatori non residenti e imposto restrizioni rigide per tutte le persone in transito, si pensa che i confini possano rimanere chiusi per i turisti addirittura per tutto il 2021.

Una data certa per una riapertura delle frontiere sembra ancora un miraggio, ma il governo australiano sta pensando ad una mossa che potrebbe farci tornare a viaggiare verso la terra dei canguri: o ti vaccini oppure ti fai 14 giorni di quarantena in albergo a tue spese.

Quarantena o vaccino

La proposta è simile a quella avanzata da IATA (International Air Transport Association) che ha lanciato l’idea di un Travel Pass che permetterebbe di tracciare le persone che si sono sottoposte a vaccino o che hanno effettuato un tampone immediatamente prima di partire, in maniera tale da ottimizzare i tracciamenti e viaggiare sicuri.

Adesso l’Australia sta pensando di imporre una quarantena in albergo obbligatoria di 14 giorni all’arrivo (a spese del viaggiatore, spese che ammontano ad almeno 3.000$) oppure il via libera a patto che il viaggiatore si sia sottoposto al ciclo vaccinale contro il Covid-19.

La notizia è venuta fuori da una conferenza stampa tenutasi nel Queensland con il ministro australiano Stuart Robert. Il segnale è positivo, l’Australia conta infatti di terminare la sua campagna di vaccinazione entro ottobre e prevede di utilizzare un registro ufficiale che tenga conto di tutte le vaccinazioni, in maniera tale da rilasciare dei certificati digitali tramite un’app di tracciamento, un vero e proprio passaporto sanitario digitalizzato.

“Ci aspettiamo che le persone che arriveranno in Australia, mentre il Covid-19 continua ad essere una malattia significativa nel mondo, siano vaccinati oppure vadano in isolamento”.

Queste le parole di Greg Hunt, il ministro della Salute australiano, rilasciate in conferenza stampa. Tempi duri quindi per i No-Vax che vogliono mettere piede in Australia, tempi fortunati invece per chi ha già ricevuto il vaccino, che presto potrebbe avere la possibilità di prenotare una vacanza in terra australiana.

Il Covid ha messo a dura prova il settore turistico e molte città sembrano svuotate, anche l’Australia ha subito un duro colpo e la chiusura dei confini non aiuta di certo a rilanciare il turismo del continente.

Ecco che soluzioni come queste fanno ben sperare ad una prossima riapertura dei confini. Probabilmente già in estate potrebbe esserci un rallentamento delle restrizioni per chi viaggia verso l’Australia.