Notizie

L’Ungheria vuole acquistare l’aeroporto di Budapest

L'Ungheria vuole acquistare l'aeroporto di Budapest dai suoi azionisti stranieri. Un modo per ridare la struttura allo Stato e proteggere…

L’Ungheria vuole acquistare l’aeroporto di Budapest dai suoi azionisti stranieri. Un modo per ridare la struttura allo Stato e proteggere quelli che il governo dice essere interessi nazionali. Il governo del primo ministro Viktor Orban ha espresso il proprio interesse per acquistare una quota di maggioranza nel principale aeroporto internazionale dell’Ungheria, affermando che la sua passata privatizzazione era stata contraria agli “interessi strategici” del paese. Il primo ministro ha dichiarato di voler vedere l’aeroporto in mani nazionali, ma fino ad ora i suoi proprietari non hanno espresso alcun interesse a venderlo.

L’obiettivo di Orban e l’offerta per l’aeroporto di Budapest

Da quando Orban ha preso il potere nel 2010, il suo governo ha rafforzato la proprietà ungherese in settori strategici come l’energia, le banche e i media. Il maggiore azionista dell’aeroporto di Budapest con il 55,44% è AviAlliance GmbH, ex Hochtief AirPort GmbH, di proprietà del Public Sector Pension Investment Board (PSPInvestments) canadese. AviAlliance GmbH ha dichiarato di aver ricevuto un’offerta dal governo ungherese che non aveva richiesto.

“Possiamo confermare che il governo ungherese ha presentato un’offerta non vincolante agli azionisti dell’aeroporto di Budapest. Nell’interesse dei nostri co-azionisti e per motivi legali, siamo obbligati a rivedere potenziali offerte”, ha detto AviAlliance in una risposta via e-mail alle domande di Reuters. “Questa trattativa non è stata avviata da noi. AviAlliance è un investitore impegnato a lungo termine. Speriamo vivamente di avere l’opportunità di continuare a investire in questo aeroporto”. GIC Special Investments di Singapore e Caisse dedépôt et placement du Québec (CDPQ) del Canada detengono ciascuna poco più del 21%.

budapest

Foto di David Mark da Pixabay

Le critiche del governo ungherese

Il governo ungherese vorrebbe acquisire nuovamente una quota di maggioranza nell’aeroporto di Budapest attraverso negoziati con i proprietari. A ribadirlo è stato il ministero dell’Innovazione e della tecnologia. In una nota ha precisato che è “strategicamente importante avere di nuovo l’aeroporto nelle mani degli ungheresi”. Il governo di Orban ha ampliato la proprietà statale in diversi settori da quando è entrato in carica nel 2010. Lo stato attualmente non ha alcuna partecipazione nell’aeroporto, che è stato privatizzato nel 2005.

In un’intervista del mese scorso, il ministro per l’innovazione e la tecnologia Laszlo Palkovics, che è stato incaricato dell’accordo aeroportuale, ha dichiarato che l’acquisizione dell’aeroporto è la chiave per rilanciare il turismo dopo la pandemia e ha criticato i suoi proprietari per non aver investito abbastanza nella qualità dei servizi.

I servizi proposti dall’aeroporto di Budapest

L’aeroporto di Budapest è di medie dimensioni ed è in rapida crescita. Ha beneficiato del boom dei viaggi a basso costo, ma sta affrontando un mercato difficile a causa della pandemia. AviAlliance detiene interessi in cinque aeroporti tra cui Amburgo, Dusseldorf e Atene. In merito alla situazione ha affermato che, come tutti gli aeroporti europei, Budapest è stata gravemente colpita dal Covid-19. “Abbiamo continuato i nostri investimenti nelle infrastrutture e nelle operazioni dell’aeroporto durante l’attuale crisi. Crediamo nella sua rapida ripresa economica e nel potenziale di crescita a lungo termine”.

American Express Platino
  • iscrizione automatica al Club Membership Rewards
  • Fast Track: priorità ai controlli di sicurezza nei principali aeroporti italiani
  • Voucher viaggi: 150€ per i tuoi viaggi ogni anno
  • Servizio viaggi dedicato
  • Iscrizione gratuita al livello Prestige del Programma Priority Pass
  • Iscrizione ai programmi fedeltà delle catene alberghiere e autonoleggio
  • Assicurazione viaggi globale
  • Prevendite per l'acquisto in anteprima dei biglietti per i migliori concerti
  • Protezione d'Acquisto: tutela per 90 giorni fino a 6.000€ sugli acquisti effettuati con Carta
25.000 punti bonus