Frequent Flyer

Miles Run, cos’è e perchè è parte del gioco del reward travel

C'è un modo di dire tra i frequent flyer che indica i biglietti acquistati con il solo fine di ottenere…

C’è un modo di dire tra i frequent flyer che indica i biglietti acquistati con il solo fine di ottenere il più facilmente possibile lo status in un determinato programma fedeltà: “Miles run”. E paradossalmente correre è l’esatto opposto di quello che si deve fare.

Cosa è la Miles Run

Come abbiamo più volte spiegato, ogni programma fedeltà ha le proprie regole, sia per l’ottenimento/rinnovo dello status sia per l’accumulo di punti/miglia da trasformare in biglietti premio. La Miles Run è una strategia per individuare quelle combinazioni di voli che possano permettere di accumulare il più alto numero di punti per ottenere il livello élite desiderato.

Quando si fa una miles run, non si viaggia per visitare un posto o andare a trovare un amico, ma solo per raccogliere il più alto numero di punti possibile. Se poi ci scappa anche una birra con amici e parenti, tanto meglio.

Le miles run per lo status

Il motivo per cui i frequent flyer cercano di ottenere lo status è cosa nota, quando si ha un livello élite in un programma fedeltà si ottengono benefici. Più è alto il livello, più questi benefici sono importanti e possono fare la differenza ogni qual volta si prende un aereo.

Avere uno status Gold con Virgin Airlines permette di poter entrare nella bellissima lounge di Londra. Avere lo status Gold con Air France apre le porte alla possibilità di poter prenotare un biglietto in classe Premiere, la prima classe, utilizzando i punti nel programma Flying Blue e risparmiare decine di migliaia di euro.

Avere lo uno status elevato con Finnair regala upgrade di classe sia sui voli europei che intercontinentali; con British Airways oltre all’accesso alle lounge si risparmiano centinaia di euro nella scelta del posto a bordo. Gli esempi sono tantissimi.

Le miles run per le miglia

C’è poi una seconda tipologia di miles run, quella fatta per accumulare il più alto numero possibile di punti o miglia da trasformare in un biglietto premio. A volte infatti è possibile accumulare un numero importante di miglia anche prendendo voli molto economici.

Come funziona una Miles Run

I programmi fedeltà sono stati pensati per premiare i viaggiatori fedeli, quelli che prendono più voli e che quindi spendono più soldi con la compagnia. La miles run sfrutta questo concetto cercando però di massimizzare il tutto nel minor numero di viaggi possibili, dove per viaggi si intende biglietti non voli.

Anzi il punto cruciale delle miles run è appunto quello di andare dal punto A al punto B passando per la strada più lunga, facendo il maggior numero di scali possibili e cercando sapientemente di scegliere dove fare scalo.

Alcuni esempi di miles run

Nella vecchia Alitalia per ottenere lo status Freccia Alata bisognava accumulare 50 voli o 50 mila miglia qualificanti. Per ottenere le miglia qualificanti bisognava volare parecchio e in classi molto poco economiche, al contrario era possibile ottenere lo status facendo 50 voli, anche in tariffa iperscontata. Cinquanta voli potrebbero sembrare una enormità, ma se si pensa a dei voli nazionali con scalo a Roma Fiumicino, era possibile ottenere il livello Freccia Alata con “soli” 12 biglietti a/r più uno.

Nel panorama delle compagnie europee le status miles run più ricercate sono quelle di British Airways e Air France/KLM, il motivo è che entrambi i programmi fedeltà usano un concetto simile per l’ottenimento dello status. Ogni volo BA permette di guadagnare un numero fisso di punti Tier, come avviene per AF/KLM i cui punti si chiamano XP. A seconda della classe del biglietto e della distanza percorsa, si guadagnano con BA dai 4 ai 240 punti a volo, mentre con il duo franco olandese si va da 2 a 60 punti a segmento volato.

Ad esempio un passeggero italiano che decide di andare in vacanza alle Hawaii con British Airways potrebbe partire da Milano, o un qualsiasi aeroporto italiano (tranne Catania), e volare via Londra a Los Angeles e da qui prendere una connessione verso Honolulu.

Con un biglietto in economy i 3 voli farebbero accumulare, a seconda della tariffa scontata o meno, dai 90 ai 320 punti Tier. Lo stesso tragitto con una fermata in più, ad esempio a New York, porterebbe il guadagno tra i 40 e i 140 punti in più, abbastanza per diventare Silver nel programma fedeltà di BA e avere accesso alle lounge, oltre la possibilità di scegliere gratuitamente il posto a bordo.

Come si vede nella tabella qui sopra, la sola tratta Londra/New York permette di guadagnare un numero fisso di Punti Executive, indifferentemente dal livello posseduto. Al contrario il numero di punti Avios guadagnati varia a seconda del livello di appartenenza.

La tratta Catania/Londra è la più lunga effettuata da British Airways in Italia ed è l’unica che permette di guadagnare da 20 a 140 punti a tratta, anziché da 5 a 40 come avviene per tutti gli altri collegamenti BA da Londra verso l’Italia. Questo vuol dire che se si deve scegliere tra Palermo o Catania, è molto meglio scegliere il secondo aeroporto perché per una manciata di miglia si guadagneranno molti più punti Tier.

La mia miles run con British Airways

Il mese di marzo ho in programma la mia corsa per lo status di British Airways e l’obiettivo è quello di accumulare abbastanza punti per ottenere il livello Gold nell’Executive Club.

Grazie ad una tariffa ultra scontata sono riuscito a staccare un biglietto a pagamento che mi permetterà di accumulare 920 punti Tier e 35.143 avios, il tutto per poco più di 1.300€. Grazie a questo volo otterrò lo status Gold sino ad ottobre 2024 e fino ad allora avrò accesso alle lounge First a Londra e in tutte le sale d’attesa di BA e delle compagnie OneWorld, anche viaggiando in economy, oltre a tutti gli altri benefici previsti dallo status.

In conclusione

Ha senso una miles run? La risposta è dipende. Se viaggiate spesso con una compagnia e lo fate in economy, avere lo status può regalare molti vantaggi per rendere meno stressante ogni singolo viaggio. I passeggeri con lo status sono quelli meno soggetti ad essere lasciati a terra causa overbooking, la possibilità di sfruttare le lounge permette di risparmiare denaro in aeroporto e il fast track di avere meno coda ai controlli. Tutti piccoli benefit importanti che possono valere una miles run ogni anno. Al contrario se non si vola di frequente non ha senso, come non ha senso dare la caccia allo status, meglio concentrarsi sul biglietto più economico nella migliore cabina possibile con il volo più veloce disponibile.

American Express Oro
  • Quota gratuita per sempre spendendo 12.000 euro all'anno
  • Voucher viaggi: 50€ per i tuoi viaggi ogni anno da spendere su americanexpress.it/viaggi
  • Priority PassTM: Carta Oro ti offre l'iscrizione gratuita al Programma Priority Pass e due ingressi gratuiti ogni anno, entrambi per te o per te e un tuo accompagnatore
  • Assicurazione inconvenienti e infortuni di viaggio: sarai tutelato in caso di ritardata consegna del bagaglio oppure ritardo o cancellazione del volo
  • Protezione d'Acquisto: tutela per 90 giorni fino a 2.600€ sugli acquisti effettuati con Carta (escluse alcune categorie merceologiche), in caso di furto o danneggiamento del bene
Quota gratuita il 1° anno
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Consulta le Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori di Blu American Express e i Fogli Informativi di Carta Verde e di Carta Oro su americanexpress.it/terminiecondizioni. L’approvazione delle Carte è a discrezione di American Express. La gratuità annuale della quota di Carta Oro e di Carta Verde è subordinata al raggiungimento di specifiche soglie di spesa annuali.