Centurion Lounge JFK, bella e ricca di sorprese - The Flight Club
Recensioni

Centurion Lounge JFK, bella e ricca di sorprese

Questa è la Centurion Lounge più nuova tra tutte quelle attualmente presenti nel mondo, è stata aperta solo lo scorso…

In questo articolo:

    Questa è la Centurion Lounge più nuova tra tutte quelle attualmente presenti nel mondo, è stata aperta solo lo scorso 9 ottobre, circa due mesi dopo quella di Londra. Si trova al terminal 4 dello scalo più trafficato di New York. Il terminal è quello usato da Delta, Emirates, Virgin Atlantic e altre compagnie come Swiss, Air India ed Egypair.


    Purtroppo non è quello che usa ITA Airways che, come avveniva per Alitalia, per i voli su New York si basa sul terminal 1. Inoltre a differenza di quanto accade in altri aeroporti, al JFK non è possibile passare da un terminal all’altro senza uscire dalla zona sterile. Quindi per poterla visitare bisogna avere un volo in partenza da questo terminal, oltre che essere titolari di una American Express Platino.

    E’ la più nuova è ed anche quella più grande, l’unica su due piani e soprattutto l’unica con uno speakeasy.

    Location

    La sala si trova al secondo piano, lo stesso livello dei controlli di sicurezza, basta girare a sinistra passati i controlli e ci si troverà l’ingresso proprio davanti.

    Impossibile non vederlo e, nel caso non si trovasse, basta individuare l’ingresso della lounge di Etihad, è esattamente la porta accanto.

    Come detto per accedere bisogna presentare una American Express Platino, o Centurion. Per le carte emesse in Italia, a differenza di quanto accade con le carte americane, è consentito portare in lounge anche un ospite gratuitamente.

    La sala

    Dopo la reception si accede tramite un piccolo corridoio alla sala principale che si affaccia completamente sul terminal. Al tramonto la sala è invasa da una bellissima luce naturale, perfetta per rilassarsi e gustarsi un cocktail prima del volo.

    Tra tutte le lounge presenti in questo terminal è sicuramente quella che ha la vista migliore su quello che accade sul piazzale, meglio sia della Clubhouse di Virgin che della Delta Sky Club. Il motivo è semplice: la lounge si affaccia sul piazzale ma non ha finger quindi si può osservare tutto quello che accade in pista senza alcun ostacolo.

    La sala è su due piani. Al piano superiore c’è il buffet principale ed uno dei 3, esatto tre, bar della lounge.

    Ci sono una serie di sedute lungo la vetrata e poi una serie di salette di varie dimensioni sparse qua e là.

    Nel piano inferiore ci sono molte più sedute di quello principale.

    Anche qui troviamo varie salette con diverse opzioni di sedute, un secondo bar e un secondo buffet, di dimensioni più contenute rispetto a quello del piano superiore.

    Alla fine della sala c’è poi un’enorme porta di legno con una scritta 1850. Questa è la porta dello speakeasy, ovvero un bar segreto come ai tempi del proibizionismo negli anni ’30 in America. Qui tutto è buio e delle grosse tende coprono le finestre in modo che da fuori non si possa sapere cosa accade dentro.

    Di fatto è il terzo bar della lounge, bar dove si possono bere ottimi cocktails, gustarsi una birra e rilassarsi prima di prendere il volo.

    Food & Beverage

    Come detto ci sono tre bar, il più bello ovviamente è lo speakeasy “nascosto” al piano terra, quello che regala una sensazione diversa e non sembra di trovarsi in un aeroporto.

    Anche l’offerta gastronomica è quasi gourmet, anche se rispetto alla lounge di Londra tutti i piatti sono al self service e non delle monoporzioni.

    Su una cosa però non si resta mai delusi in una Centurion Lounge, stiamo parlando dei cocktail. Sia nel bar principale, ma soprattutto nel bar “segreto” vengono serviti ottimi cocktail e una vasta selezione di liquori, perchè si sa: l’americano medio ha sempre un bicchiere da bere in mano.

    Ci sono anche due isole dedicate alle bevande calde e alle bibite dove servirsi in totale tranquillità.

    I servizi

    Questa lounge offre, oltre al cibo alle bevande e al wifi, una sala Equinox.

    Qui è possibile rilassarsi nella saletta per lo yoga, c’è una poltrona speciale per la meditazione e poi una saletta più grande dove usare delle speciali macchine automassaggianti o provare un massaggio fatto con un sistema pneumatico. Tutto gratis per gli ospiti che non devono fare altro che scegliere cosa fare e prenotare. A differenza di altre lounge che hanno eliminato questa possibilità, qui Amex si distingue con una serie di servizi unici a livello aeronautico.

    E’ presente anche una macchina che permette di sterilizzare i propri device, basta inserire cellulare, tablet e notebook e accenderla e in meno di 60 secondi tutti i dispositivi saranno sanificati.

    In conclusione

    Questo è il terminal più ricco di opzioni per i clienti Amex Platino, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra questa Centurion, lo Sky Club di Delta, la Clubhouse di Virgin Atlantic e infine la lounge di Air India che è accessibile tramite la tessera Priority Pass.

    Al contrario se si vola dagli altri terminal le scelte sono poche e tristi. Peccato solo che per la sala di Virgin Amex abbia scelto questo terminal e non l’1, quello usato da ITA Airways.

    Questa è solo una delle tante recensioni che puoi leggere sul nostro sito, covid e restrizioni permettendo ogni mercoledì pubblichiamo una recensione di una lounge aeroportuale, mentre ogni venerdì puoi leggere la recensione di un nostro volo o di un hotel dove abbiamo soggiornato.

    Il verdetto
    Ogni nuova Centurion Lounge supera quella precedente, questa di New York è meglio di quella di Londra che era stata aperta solo qualche mese prima. Offre una vista bellissima, è comoda da raggiungere e se non è affollata è perfetta per aspettare il proprio volo in tranquillità. Il design è simile ed è molto bello
    8.5
    Voto Location
    9.5
    F&B
    7.5
    Servizi
    8.5

    Pro

    • La vista
    • Lo speakeasy
    • La Equinox Room

    Contro

    • Preferisco le monoporzioni londinesi a questo buffet