Bagaglio perso: cosa fare per recuperarlo e ottenere un risarcimento - The Flight Club
Guide

Bagaglio perso: cosa fare per recuperarlo e ottenere un risarcimento

Cosa fare quando il proprio bagaglio è stato perso? Si tratta dell’incubo di ogni viaggiatore. Per quanto siamo soliti leggere…

Cosa fare quando il proprio bagaglio è stato perso? Si tratta dell’incubo di ogni viaggiatore. Per quanto siamo soliti leggere o ascoltare storie di vario genere a riguardo, anche da parte di amici e parenti, nel momento in cui siamo noi i protagonisti tendiamo a farci prendere dal panico. Di seguito vi proponiamo dunque una guida utile per sapere esattamente quali step seguire per tentare di ritrovare la propria valigia e ottenere un risarcimento.

In questo articolo:

    Bagaglio perso: cosa sapere


    La prima regola, in assoluto, è quella di restare calmi. Arrabbiarsi e trasformare il tutto in un incubo, per sé e il personale di terra, è inutile. Il passeggero ha sempre ragione in casi del genere e ha il diritto ad un’assistenza adeguata. Ecco tutto ciò che deve fare, a partire dal check-in.

    Esiste infatti un pre requisito, che anticipa l’eventuale smarrimento del bagaglio. Al momento del check-in si ottiene un’etichetta adesiva con un codice a barre. Solitamente viene incollata sulla carta d’imbarco. Occorre averla sempre con sé, essendo di enorme importanza in caso di smarrimento della valigia.

    Una volta completato il processo di caricamento in stiva del bagaglio, il suo arrivo a destinazione, insieme al proprietario, è responsabilità della compagnia aerea. Quest’ultima è tenuta a soddisfare le richieste dei clienti, che possono ottenere una consegna a una destinazione ben precisa, magari la terza di un itinerario a tappe. È in casi del genere che il rischio di smarrimento aumenta ma, come detto, si tratta di un normale servizio e dunque il vettore ha assoluta responsabilità.

    Alcune compagnie prevedono un fondo di risarcimento per spese ragionevoli da sostenere a causa del danno subito dallo smarrimento del bagaglio. Fondamentale conservare ogni scontrino, così da poter “presentare il conto” alla fine del percorso burocratico. A seconda del tipo di biglietto acquistato, è presente un massimale. È bene però informarsi adeguatamente con il personale. Richiedere info sulla possibilità di rimborso al momento della denuncia di smarrimento.

    Bagaglio perso: cosa fare

    Il primo passo è chiedere ai responsabili nell’area di ritiro bagagli. La propria valigia potrebbe essere stata spostata dopo il disimbarco dell’aereo in un’altra zona di ritiro. Può capitare per bagagli molto voluminosi.

    Una volta accertato lo smarrimento, occorre contattare la compagnia aerea, soprattutto quella responsabile dell’ultimo volo preso, qualora fosse differente dall’iniziale. La denuncia dovrà essere effettuata presso l’Ufficio oggetti smarriti, indicato come Lost and found in inglese, qualora si fosse fuori dal territorio italiano. Il modulo compilato funge da rapporto per la compagnia aerea. Occorre fornire tutte le informazioni per poter essere contattati, con eventuale indirizzo di recapito (sia questo il proprio o quello dell’alloggio vacanziero).

    Le prospettive sono tre:

    • Il bagaglio è rimasto presso l’aeroporto di partenza
    • Il bagaglio è rimasto in uno degli aeroporti di transito
    • Il bagaglio è stato inviato per errore presso un differente aeroporto

    Nella maggior parte dei casi al desk dell’Ufficio oggetti smarriti vi diranno dove si trova esattamente, grazie al codice a barre della carta d’imbarco. Attraverso il sito ufficiale del vettore o della società che gestisce i bagagli si potrà seguire l’evolvere della situazione in diretta.

    Bagaglio perso dopo 21 giorni

    Cosa accade quando il proprio bagaglio è perso da più di 21 giorni? Si deve ripresentare denuncia di smarrimento. Questa fase prevede la richiesta da parte della compagnia aerea dell’elenco degli articoli più costosi nella valigia. Si potrebbe addirittura richiedere una prova dell’effettivo acquisto, così da valutare la cifra per il risarcimento. In media il massimo previsto dalle normative internazionali è di 1500 dollari, circa.

    American Express Oro
    • Quota gratuita il primo anno
    • Quota gratuita gli anni successivi spendendo 12k euro/anno
    • Voucher viaggi: 50€ per i tuoi viaggi ogni anno da spendere su americanexpress.it/viaggi
    • Priority PassTM: Carta Oro ti offre l'iscrizione gratuita al Programma Priority Pass e due ingressi gratuiti ogni anno, entrambi per te o per te e un tuo accompagnatore
    • Assicurazione inconvenienti e infortuni di viaggio: sarai tutelato in caso di ritardata consegna del bagaglio oppure ritardo o cancellazione del volo
    • Protezione d'Acquisto: tutela per 90 giorni fino a 2.600€ sugli acquisti effettuati con Carta (escluse alcune categorie merceologiche), in caso di furto o danneggiamento del bene
    Quota gratuita il 1° anno + Quota gratuita gli anni successivi spendendo 12k euro/anno
    Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Consulta le Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori di Blu American Express e i Fogli Informativi di Carta Verde e di Carta Oro su americanexpress.it/terminiecondizioni. L’approvazione delle Carte è a discrezione di American Express. La gratuità annuale della quota di Carta Oro e di Carta Verde è subordinata al raggiungimento di specifiche soglie di spesa annuali.