Notizie

Sud Africa, Bali e Cile pronte a riaprire le porte ai turisti

L’estate australe inizierà il 21 dicembre e molte nazioni si stanno preparando a riaprire ai turisti

L’estate australe si sta avvicinando e, come accaduto in Europa a giugno, le nazioni dell’emisfero meridionale si stanno preparando a riaprire le frontiere per cercare di risollevare l’economia duramente colpita dal Covid-19. Ovvaimente la speranza è che il virus possa dare una tregua.

Se Australia e Nuova Zelanda hanno già annunciato che non hanno intenzione di riaprire nel 2020, altre nazioni sono invece pronte a riaccogliere i turisti che mancano da marzo, ovvero da quando il coronavirus da problema cinese è diventato pandemia mondiale.

Partendo dall’Asia sembra che a riaprire le frontiere sarà (forse) solo Bali in Indonesia.

La luce verde dovrebbe accendersi il primo dicembre, secondo quanto riportato da alcuni media locali,  tutti i passeggeri in arrivo nell’aeroporto internazionale Ngurah Rai (DPS) dovranno sottoporsi a tampone e poi saranno trasferiti in una struttura in attesa dell’esito.


 

Sempre in Asia si aprirà domenica 22 novembre la bolla tra Hong Kong e Singapore, da quel momento i residenti delle due nazioni potranno spostarsi per qualunque motivo tra i due paesi, senza essere sottoposti a quarantena.

La Thailandia ha iniziato ad accogliere piccoli gruppi di turisti, ma al momento prevede di riaprire solo a persone intenzionate a soggiornare almeno 14 giorni. In ogni caso tutti coloro che entreranno nel Paese saranno costretti ad una sorta di quarantena con l’obbligo di trascorrere 14 giorni in resort e dovranno risultare negativi a 2 tamponi prima di potersi muovere liberamente sul territorio nazionale.

Cambiando continente, in Africa sono molti i paesi che hanno riaperto o che stanno per farlo.

Il Sud Africa in ordine cronologico è l’ultimo ad aver annunciato la riapertura ai turisti, attraverso un post su twitter del presidente della Repubblica Sud Africana.

Tampone negativo non più vecchio di 72 ore, nuovo test all’arrivo e adeguata assicurazione sanitaria in grado di coprire eventuali spese mediche e relativa quarantena, questi i requisiti per poter soggiornare senza restrizioni nello stato più meridionale del continente africano.

Saltando in Sud America, il Cile ha ufficializzato che dal 23 novembre si potrà tornare a fare i turisti, così come in Argentina, Brasile e Perù. Sembra che l’unica nazione che non riaprirà per l’estate sarà l’Uruguay.

Ricordiamo che al momento l’unica delle nazioni citate, dove gli italiani potrebbero volare per ragioni non essenziali, è proprio l’Uruguay, che però non sembra intenzionato ad aprire ai turisti prima della primavera 2021.

American Express Oro
  • Cashback di 250€ spendendo 4000€ nei primi 180 gg
  • Quota gratuita il primo anno
  • Voucher viaggi: 50€ per i tuoi viaggi ogni anno da spendere su americanexpress.it/viaggi
  • Priority PassTM: Carta Oro ti offre l'iscrizione gratuita al Programma Priority Pass e due ingressi gratuiti ogni anno, entrambi per te o per te e un tuo accompagnatore
  • Assicurazione inconvenienti e infortuni di viaggio: sarai tutelato in caso di ritardata consegna del bagaglio oppure ritardo o cancellazione del volo
  • Protezione d'Acquisto: tutela per 90 giorni fino a 2.600€ sugli acquisti effettuati con Carta (escluse alcune categorie merceologiche), in caso di furto o danneggiamento del bene
Cashback da 250€ + Quota gratuita il 1° anno
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Consulta le Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori di Blu American Express e i Fogli Informativi di Carta Verde e di Carta Oro su americanexpress.it/terminiecondizioni. L’approvazione delle Carte è a discrezione di American Express. La gratuità annuale della quota di Carta Oro e di Carta Verde è subordinata al raggiungimento di specifiche soglie di spesa annuali.