Notizie

Thailandia addio test PCR e burocrazia, adesso basta un tampone rapido all’arrivo

La Thailandia continua nella direzione di un graduale ritorno alla normalità, in particolare dal prossimo 16 dicembre sarà notevolmente semplificata…

La Thailandia continua nella direzione di un graduale ritorno alla normalità, in particolare dal prossimo 16 dicembre sarà notevolmente semplificata la fase di arrivo nel Regno.

Situazione attuale

Dal primo novembre la Thailandia ha abbandonato il programma studiato per la riapertura delle frontiere. Per moltissimi turisti, compresi gli italiani, addio quindi alla burocrazia e al protocollo Sandbox che imponeva di soggiornare un numero minimo di notti a Phuket o Ko Samui e una serie di test PCR prima di potersi muovere liberamente.

Ad oggi però i turisti sono obbligati a prenotare almeno la prima notte in un hotel SHA+, prenotazione che comprende nel costo della camera anche il tampone PCR da effettuare appena scesi dall’aereo (si deve rimanere confinati in camera sino all’arrivo dell’esito, dalle 5 alle 12 ore).

Cosa cambia da metà dicembre

Il cambiamento è radicale ed è fatto, ovviamente, per rendere più semplice e meno stressante per i viaggiatori l’arrivo in Thailandia. E’ bene però ricordare che non tutti i passeggeri ricadono nel protocollo Test&Go, e in questo caso resta operativo anche il Sandbox che, sempre da metà dicembre, sarà aggiornato con la modifica del soggiorno minimo che passa da 7 a 5 giorni.


Ma per gli italiani, e tutti coloro che decidono di volare dall’Italia, è valido il protocollo più semplice che prevede:

  • Ciclo vaccinale completato
  • Thailand Pass
  • Test PCR negativo effettuato entro 72 dalla partenza del volo
  • Tampone rapido all’arrivo in Thailandia

La novità è appunto quella della tipologia di tampone al quale si sarà sottoposti una volta scesi dall’aereo. Addio al più costoso e lento PCR e benvenuto tampone rapido. Questo significa che in pochi minuti si avrà il risultato e non si dovrà aspettare in camera l’esito del test, potendo quindi iniziare immediatamente la vacanza e non dovendo soggiornare in una struttura SHA+, ma dove si vuole senza limitazioni.

In conclusione

La Thailandia è stata la prima nazione del sud est asiatico a riaprire le porte ai turisti, oggi sta lentamente vedendo i numeri dei passeggeri crescere giorno dopo giorno.

Purtroppo l’Italia vieta ancora gli spostamenti non essenziali verso Bangkok e le altre popolari destinazioni a causa del picco di contagi registrato in estate e che adesso è solo un lontano ricordo. La scelta di alleggerire le procedure, e quindi i costi per i viaggiatori, è sicuramente interessante. Speriamo che a breve (15 dicembre) l’Italia aggiorni la lista dei paesi o dei corridoi turistici includendo anche la Thailandia tra le destinazioni raggiungibili.

American Express Oro
  • Cashback di 250€ spendendo 4000€ nei primi 180 gg
  • Quota gratuita il primo anno
  • Voucher viaggi: 50€ per i tuoi viaggi ogni anno da spendere su americanexpress.it/viaggi
  • Priority PassTM: Carta Oro ti offre l'iscrizione gratuita al Programma Priority Pass e due ingressi gratuiti ogni anno, entrambi per te o per te e un tuo accompagnatore
  • Assicurazione inconvenienti e infortuni di viaggio: sarai tutelato in caso di ritardata consegna del bagaglio oppure ritardo o cancellazione del volo
  • Protezione d'Acquisto: tutela per 90 giorni fino a 2.600€ sugli acquisti effettuati con Carta (escluse alcune categorie merceologiche), in caso di furto o danneggiamento del bene
Cashback da 250€ + Quota gratuita il 1° anno
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Consulta le Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori di Blu American Express e i Fogli Informativi di Carta Verde e di Carta Oro su americanexpress.it/terminiecondizioni. L’approvazione delle Carte è a discrezione di American Express. La gratuità annuale della quota di Carta Oro e di Carta Verde è subordinata al raggiungimento di specifiche soglie di spesa annuali.