Recensioni

British Airways, recensione Club Europe Milano/Londra

Lo abbiamo detto più volte, volare in business per voli intraUE ha poco senso dato che sedile e spazi sono…

Lo abbiamo detto più volte, volare in business per voli intraUE ha poco senso dato che sedile e spazi sono gli stessi che si hanno quando si vola in economy, l’unica differenza è che il posto centrale viene lasciato libero.

Aeromobile:
A321neo
Classe:
Club Europe
Tratta:
Lin - Lhr

Ovviamente questo discorso non vale per un volo di posizionamento, ovvero quando si vola una tratta verso un hub per poi ripartire verso una destinazione intercontinentale, come è accaduto in questo caso.

La prenotazione

Questo volo è parte di un itinerario che mi ha portato a Dubai, via Londra, con British Airways. Il costo di questa tratta sarebbe dovuto essere 140k Avios e circa 600€ di tasse aeroportuali.


Come già spiegato le tasse applicate da British Airways per i suoi voli premio sono importanti, soprattutto se paragonati al fatto che avevo trovato una tariffa incredibile per la business a meno di 1.300€.

Grazie a questo itinerario ho potuto ottenere immediatamente lo status Bronze nel programma fedeltà della compagnia inglese, oltre ad accumulare abbastanza Avios per poter fare un volo gratis da Milano a Londra in economy.

Check-in e imbarco

L’arrivo a Linate è sempre comodo, i parcheggi sono incredibilmente vicini al terminal e in un periodo di scarso traffico come questo, posteggiare l’auto anche al piano terra non è una utopia.

Tra lavori e percorsi obbligati causa Covid-19, l’accesso all’aerostazione avviene esattamente dalla parte opposta del terminal. Subito all’ingresso viene controllata la temperatura delle persone che accedono alla struttura.

Al mio arrivo vedo un’unica lunghissima coda verso quello che all’inizio credevo essere il controllo di Polizia delle autocertificazioni, scopro invece dopo un paio di minuti che era la coda per il check-in del mio volo.

Diciamo che mi sarei aspettato una maggiore organizzazione, molti passeggeri chiedevano lumi su quale coda si dovesse fare tra business, economy o il semplice drop off del bagaglio.

Dopo circa una ventina di minuti la situazione si è normalizzata, ma le procedure non si sono velocizzate a causa di tutta la burocrazia connessa agli spostamenti in questa nuova normalità.

Nel mio caso l’addetta ha dovuto cercare tutte le info per la mia destinazione finale (Dubai) e verificare se tutti i requisiti richiesti erano rispettati. Moltiplica il tutto per un aereo che volava completamente pieno ed è facile capire come mai tutto è andato a rilento.

A tutti i passeggeri viene anche consegnato un modulo da compilare e consegnare al momento dell’imbarco.

Al momento l’unica zona per il controllo passaporti a Linate è al piano terra, questo vuol dire che si raggiungerà l’aereo tramite bus e non tramite finger. Purtroppo non ho avuto la possibilità di testare il riconoscimento facciale dato che al momento è disponibile solo sui Linate/Fiumicino di Alitalia.

Un’altra sfortuna: la lounge British Airways a Linate è chiusa, comprensibile avendo solo un volo al giorno. Serrande abbassate anche per la lounge indipendente gestita direttamente da SEA, a cui avrei potuto accedere grazie alla mia priority pass.

Gli addetti al gate hanno spiegato più volte che le procedure di imbarco sarebbero state svolte per file, senza accesso prioritario per passeggeri business e frequent flyer.

La modalità è semplice, si inizia dalle file centrali e poi ci si sposta verso le estremità, una scelta ordinata anche se come sempre sono le persone a dover ascoltare e rispettare quanto viene comunicato, e purtroppo non è sempre così.

Cabina e servizio

Il volo BA589 è stato operato con un Airbus A321neo, in configurazione standard ovvero 3 sedili per lato, con i passeggeri di Club Europe, la business class, che hanno potuto godere del sedile centrale libero.

A differenza della scelta di Lufthansa, BA ha dotato questi aeromobili di connettività WiFi e di prese di corrente.

L’A321neo è molto silenzioso paragonato alla generazione precedente e questo si traduce in una migliore qualità del viaggio. Questo è l’unico volo diretto da Milano a Londra “sopravvissuto” al Covid-19 e alle restrizioni ai viaggi e ovviamente era pieno.

In questi casi avere il posto accanto libero è un sollievo.

Ero seduto al 6F lato finestrino e ho potuto godermi, pochi minuti dopo il decollo, lo spettacolo delle Alpi innevate che spuntavano sopra le nuvole.

Food & Beverage

British Airways ha recentemente annunciato che a partire da metà gennaio ripristinerà il servizio nelle classi premium, eliminando il gourmet box che in questi mesi ha sostituito il tradizionale servizio con piatti in ceramica e bicchieri in vetro. BA è stata molto criticata per questa scelta, la compagnia si è giustificata adducendo ragioni legate al Covid-19, ma è stata smentita nei fatti da quasi tutte le altre compagnie che non hanno mai smesso di effettuare il servizio per i clienti della parte anteriore dell’aeroplano, come Lufthansa o come Emirates che è già tornata allo standard pre crisi da metà estate.

In ogni caso il prodotto offerto è di qualità mi hanno soddisfatto sia il sandwich che l’iconica mousse al cioccolato come dessert, così come la discreta disponibilità di vini e champagne anche per un volo di meno di due ore.

All’arrivo a Londra siamo stati collegati al terminal dal finger e questo ha portato alla procedura di sbarco a file, chiamati e controllati dagli assistenti di volo. Un’invenzione favorita dal Covid-19 che speriamo vivamente resti tra noi anche quando tutto sarà tornato normale.

IFE e Wifi

Ovviamente nessuno schermo, ma come detto aeromobile dotato di WiFi e possibilità di sfogliare la rivista ufficiale BA gratuitamente collegandosi al WiFi dell’aereo.

Per un volo della durata di meno di due ore, le proposte erano il pacchetto social, con la possibilità di usare i sistemi di messaggistica più diffusi, oppure di navigare per un ora o per tutto il volo.

Strano come per i voli brevi, BA offra l’opzione per l’intero volo, mentre per i voli intercontinentali l’offerta diventi a MB.

In conclusione

Non spenderei mail il costo del biglietto e nemmeno utilizzerei 17.500 Avios richiesti per questo volo, però devo ammettere che l’esperienza è stata positiva.

Il verdetto
Il solito volo in business intra UE, senza infamia e senza lode. L’assenza dell’ IFE è mitigata dalla presenza del wi-fi, ma chiedere 8 € per un volo di meno di due ore dove il wifi è effettivamente operativo poco più di 60 minuti non è esattamente il massimo. Il gourmet box è interessante ma la realtà è che non credo alla scusa che sia per non contaminare i cibi, piuttosto è una scelta comoda per ridurre tempi e costi del servizio,
7
Servizio
7
IFE
4
F&B
7
Cabina e Poltrona
7

Pro

  • Sedile comodo
  • Wi-fi

Contro

  • Il gourmet box, non fa business class